Logo

Tel:+39 0471 976158
Cell:+39 338 1461116

Cerca nel Sito

Attualmente sei su:

Pappagalli

CONSIGLI PER UNA BUONA DIETA

La malnutrizione è un problema comune negli psittacidi in cattività. Le diete basate sui semi contengono un eccesso di grassi, un basso rapporto calcio-fosforo e causano carenze nutrizionali (carenza di sodio e ferro in particolare). Per questo motivo l'alimento ideale dovrebbe essere formulato per singola specie e contenere un misto di semi freschi sempre accompagnati da cibi freschi e formule dietetiche. Un importante studio scientifico pubblicato sul Journal of Avian Medicine and Surgery del settembre 2012, ha calcolato come corretta una dieta composta dal 60% di pellettati, 22% cibi freschi (frutta e verdura) e 18% di semi misti. Questo studio è stato condotto sulle amazoni ma può essere un buon punto di partenza se si vuole nutrire un pappagallo in casa.

 

LA TEMIBILE PBFD (MALATTIA DEL BECCO E DELLE PENNE)

Aspetti genetici della malattia del becco e delle penne degli psittacidi Possibile infezione interspecifica attraverso il commercio di volatili, secondo uno studio Il virus della malattia del becco e delle penne (BFDV) è l’agente causale della malattia del becco e delle penne degli psittacidi (PBFD), che induce caratteristiche modificazioni delle penne in queste specie.

 

Uno studio ha indagato il tasso d’infezione subclinica di PBFD in psittacidi importati e di allevamenti domestici mediante PCR. Risultavano positivi a BFDV 126 uccelli su 402 (31,3 %). Per 16 campioni positivi scelti a caso si determinava la sequenza del DNA (ORF) C1. Uno dei 16 campioni mostrava un’infezione mista e si ottenevano 5 diverse sequenze BFDV da un unico pappagallo cenerino africano. Nell’analisi filogenetica, la maggior parte delle sequenze BFDV incluse in ciascun cluster dell’albero filogenetico apparteneva alla stessa sottofamiglia degli psittacidi. Il BFDV del pappagallo cenerino era strettamente correlato al BFDV dei cacatua. L’habitat naturale di queste due specie di pappagalli è diverso e lo studio suggerisce la possibilità di un’infezione interspecifica attraverso il commercio di volatili.

 

“Relatedness between Host Species and Genotype of Beak and Feather Disease Virus Suggesting Possible Interspecies Cross Infection during Bird Trade” Ogawa H, Chahota R, Ohya K, Yamaguchi T, Fukushi H. J Vet Med Sci. 2012 Nov 12. [Epub ahead of print]

 

Maria Grazia Monzeglio Med Vet PhD
mg.monzeglio@evsrl.it